Liga Veneta Repubblica

COMUNICATO STAMPA

NESSUN EQUO PROCESSO

PER I PRIGIONIERI POLITICI CATALANI

Il processo inizia con la richiesta di 214 anni di prigione per i leader catalani.

I membri e gli amici del partito politico europeo European Free Alliance (EFA) vogliono esprimere la loro più profonda preoccupazione per il processo iniquo che sta per iniziare contro i leader catalani e prigionieri politici catalani, che sono in detenzione preventiva da oltre un anno. Il processo inizia con la richiesta dei procuratori spagnoli di chiedere una somma di 214 anni di carcere agli imputati per aver organizzato un referendum sull’autodeterminazione il 1 ° ottobre 2017.


I leader catalani sono stati accusati di crimini di ribellione (che implicano l’uso della violenza), sedizione e uso improprio dei fondi pubblici. Non solo queste accuse sono false e compensate in una narrazione che giustifica le accuse sopra menzionate, ma sono state anche confutate dalle corti belghe, scozzesi e tedesche, quando hanno rifiutato di estradare in Spagna l’ex presidente catalano Puigdemont e il Ministro in esilio sulla base di ribellione e sedizione basati su una totale mancanza di violenza da parte degli accusati e di coloro che seguono le loro posizioni politiche.


Nel novembre 2018, il procuratore della Spagna accusò formalmente Oriol Junqueras, l’ex vicepresidente catalano, di ribellione e ne chiese una pena di 25 anni. Per gli ex ministri del governo catalano Joaquim Forn, Jordi Turull, Josep Rull, Raül Romeva e Dolors Bassa sono stati richiesti 16 anni di prigione. Jordi Cuixart e Jordi Sànchez, rispettivamente il presidente e l’ex leader dei due principali movimenti di base catalani, e Carme Forcadell, l’ex presidente del parlamento catalano, sono stati richiesti 17 anni di prigione come “promotori e leader” della ribellione. Per altre sette persone – politici e poliziotti – sono state richieste condanne per reati minori da 4 fino a 11 anni di prigione.


Noi, i membri e gli amici di EFA, crediamo che i perseguitati non abbiano commesso alcun crimine. Dopo aver provato tutto per negoziare un accordo con il governo spagnolo, i leader catalani hanno solo ricevuto risposte negative e hanno chiuso le porte a qualsiasi soluzione politica alle loro aspirazioni e necessità democratiche.
Seguendo questi costanti inosservati alle loro legittime richieste, i leader catalani decisero di attuare e aiutare a realizzare ciò che il popolo catalano gli imponeva: tenere un referendum sull’indipendenza della Catalogna. Crediamo fortemente che l’organizzazione di un voto su questioni di importanza cruciale per una popolazione, come l’indipendenza della Catalogna, sia un simbolo del valore della democrazia piuttosto che un crimine.


Il conflitto tra la Catalogna e la Spagna è un conflitto politico e, come tale, necessita di una soluzione politica piuttosto che giudiziaria. Purtroppo, l’attuale governo spagnolo guidato da Pedro Sanchez, così come quello del suo predecessore, Mariano Rajoy, non sembra essere disposto a impegnarsi in un dialogo politico costruttivo con il governo catalano, in cui tutti i modi democratici per esercitare l’autodeterminazione potrebbero essere preso in considerazione.


La “giudizializzazione” di questo caso non porterà alcuna soluzione al conflitto. Al contrario, lo approfondirà e le sue conseguenze dureranno per decenni. Inoltre, l’alto peso politico di questa questione, il “record” delle precedenti sentenze dei giudici e le loro posizioni politiche e la comprovata mancanza di divisione del potere in Spagna, fa sì che le garanzie per un giusto processo nei confronti dei perseguitati siano messe in una domanda seria.


L’Unione europea è corresponsabile di questa situazione. Dovrebbe intervenire il più presto possibile per chiedere una soluzione politica al conflitto politico esistente e agire da “cane da guardia” contro ulteriori violazioni dei diritti civili, politici e umani da parte del governo spagnolo in relazione al conflitto catalano.


“I leader catalani vengono puniti per aver fatto ciò per cui sono stati eletti: negoziare una consultazione con Madrid e, se ciò si è dimostrato impossibile, portare a termine un referendum”, afferma il Presidente EFA Jordi Solé. “Se qualcosa dovrebbe essere sottolineato del movimento indipendentista e del referendum del 1 ottobre, è il suo forte pacifismo. L’unica violenza che si è veramente verificata è stata quella della polizia spagnola contro coloro che sono andati a votare pacificamente. Molti osservatori internazionali erano lì quel giorno stesso e hanno visto la violenza della polizia con i loro occhi “.


Solé continua affermando che “un conflitto politico non dovrebbe mai essere risolto attraverso canali giudiziari! Il diritto all’autodeterminazione – un diritto riconosciuto dall’ONU – non può essere esplicitamente riconosciuto da una costituzione, ma esercitarla pacificamente e democraticamente non può mai essere considerato un reato penale “. “La pista che sta per iniziare non è solo contro i prigionieri politici catalani, ma anche contro i milioni di catalani che hanno votato nel referendum. Sarà uno dei processi politici più vergognosi che l’UE abbia mai visto “, conclude Solé.

BRUSSELS, 12/02/2019

LEuropean Free Alliance (EFA) è un partito politico europeo. Ha 46 membri membri ed è rappresentato da 12 membri eletti al Parlamento europeo.

Il nostro principio fondamentale è il diritto per tutti i popoli di decidere: il diritto all’autodeterminazione, che è un principio fondamentale riconosciuto dal diritto internazionale. Rappresentiamo gli interessi delle nazioni e dei popoli, delle regioni e delle minoranze europee apolidi.

LA LIGA VENETA REPUBBLICA APPARTIENE AD E.F.A.

693 Visite totali, 5 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *